Jans Peter Munk, Sandro Barbagallo

'800 Danese

Architettura di Roma e paesaggi di Olevano Romano

    24,00 € 24,00 € 24.0 EUR

    24,00 €

    Option non disponible.

    Cette combinaison n'existe pas.

    Ajouter au panier


    Satisfait ou remboursé pendant 30j
    Livraison gratuite en France
    Achetez-le maintenant, soyez livré dans 2 jours

    Edité par Jans Peter Munk
    Edité par Sandro Barbagallo
    Editeur Gangemi Editore Sp.A
    Distributeur Editions de Boccard

    Sono ormai passati quasi 30 anni da quando è stata esposta in Italia una rappresentativa raccolta dell'arte dell'età d'oro della pittura danese. Ci riferiamo all'esposizione Pittori danesi a Roma nell'Ottocento a Palazzo Braschi, allestita in occasione della visita ufficiale in Italia di Sua Maestà la Regina di Danimarca Margrethe II e di Sua Altezza Reale il Principe Consorte; mostra che fu realizzata sotto l'alto patrocinio della Sovrana stessa e di S. E. il Sen.Giovanni Leone, allora Presidente della Repubblica Italiana. L'esposizione durò poco più di un mese, dal 9 novembre all'11 dicembre 1977. Dipinti appartenenti al Museo di Belle Arti di Copenaghen, ad istituzioni pubbliche e a collezioni private furono presentati nel museo civico romano. Nel frattempo queste opere hanno ottenuto una rinascita dovuta a nuovi studi e ricerche ed hanno raggiunto un riconoscimento sul piano internazionale grazie ad alcune mostre tenutesi a Parigi (1965 e 1984-85), a Londra (1984), a Los Angeles e New York (1994), ad Ottawa (1999-2000) e ad Amburgo (2000). Riteniamo giusto che questi quadri ritornino, per una nuova esposizione, nel Paese e nella città che ospitò i giovani artisti danesi – quando il viaggio in Italia era de rigeur – e che fu per loro fonte d'ispirazione e di incitamento. Sulla simbiosi tra il passato e il presente, vorrei aprire una piccola parentesi su un particolare che tengo a sottolineare in questa occasione: la residenza preferita per il soggiorno romano dei genitori della nostra sovrana, re Frederik IX e la sua consorte la regina Ingrid, era l'Hotel Hassler nella Piazza di Trinità dei Monti. Oltre cento anni fa, gli artisti dell'età d'oro danese attraversavano più volte al giorno quella piazza, giungendo dal quartiere intorno a piazza Barberini, via di S. Isidoro, via Sistina ecc. per recarsi a consumare i loro pasti all'Osteria la Lepre o al Caffé Greco. Anche in questa occasione abbiamo ricevuto in prestito le opere dalle collezioni pubbliche. Tra i tesori del nostro patrimonio nazionale abbiamo dovuto operare una cernita, rispettando i limiti definiti dall'ambito tematico, come ben si presta a questo tipo di presentazioni. Ci siamo mossi su due strade: una che ci porta nel cuore di Roma, cioè i prospetti e le vedute dei luoghi più famosi, un'altra che ci porta verso la campagna e le montagne nei suoi dintorni. Uscendo dal Complesso del Vittoriano, dove la mostra è allestita, ci si trova circondati non soltanto dalle vestigia dell'Antichità, ma anche dagli edifici del Medioevo, del Rinascimento e del Barocco. Questo era l'ambiente che attirava i pittori. Meta preferita durante l'estate erano invece le montagne fuori Roma, dove il caldo era meno opprimente e la popolazione locale ancora più ospitale. Molte sono le persone e le istitutizioni da ringraziare in questa occasione. Per primi i musei danesi. Senza la loro generosa disponibilità non sarebbe stato possibile allestire questa mostra. Ringrazio i miei collaboratori in Italia che durante il periodo di preparazione della mostra non hanno mai perso di vista l'importanza e il significato di uno scambio culturale tra i due Paesi che fortunatamente, sin dall'Ottocento, è rimasto ininterrotto. Ringrazio lo staff della Reale Ambasciata di Danimarca a Roma che ha con pazienza cercato di facilitare i contatti fra gli organizzatori in Italia e le autorità danesi. Desidero inoltre ringraziare alcune persone che mi hanno incoraggiato a perseverare in questo ambizioso progetto. Marianne Nordby, che ha preparato gran parte del materiale per l'elenco delle opere in catalogo, che ha stabilito molti dei contatti indispensabili per il mio lavoro e che mi ha aiutato a tenere alto il morale nei momenti più difficili. La dott.ssa Gertrud With, che è stata un'ottima e utile assistente nei contatti con i musei danesi e durante l'allestimento della mostra. Ringrazio il mio amico Raimondo Gessa che mi ha sostenuto sin dall'inizio e durante tutto il processo di realizzazione della mostra, in parte per i suggerimenti linguistici, ma anche per le informazioni su certi aspetti peculiari riguardanti l'Italia e la Danimarca. Moltissimi consigli, non solo riguardo l'eleganza della forma linguistica ma anche sul contenuto del testo li ho ricevuti dalla dott.ssa Caterina Testa e dal professore Sandro Barbagallo. Ringrazio tutti di cuore. In ultimo vorrei esprimere la mia riconoscenza al lavoro scientifico e pionieristico di Domenico Riccardi, specialmente per i suoi studi fondamentali sugli artisti tedeschi che soggiornarono ed operarono ad Olevano nella prima metà dell'Ottocento. Senza il supporto delle sue ricerche, da Lui ampiamente illustrate, avrei dovuto spendere molte più energie per orientarmi nella topografia della zona.

    Book Broché
    Nbr Pages Arabes 208
    colors 1
    Collection Gangemi
    ISBN 13 978-88-492-1038-5
    Type Nom