L'economia liberale di Luigi Einaudi. Saggi

    42,90 € 42,90 € 42.9 EUR

    42,90 €

    Option non disponible.

    Cette combinaison n'existe pas.

    Ajouter au panier

    Garantie de remboursement de 30 jours
    Livraison gratuite aux États-Unis
    Achetez maintenant, obtenez dans 2 jours

    Editeur Casa Editrice Leo S. Olschki
    Distributeur Editions de Boccard

    Rivisitare il pensiero, la scuola e le battaglie di Luigi Einaudi è salutare, in un’epoca in cui le dottrine economiche sono rimesse in discussione, per loro inadeguatezza nel rapporto fra stati e mercati, di cui Einaudi si occupò dalla fine del 1800 al 1961. Lo fa Francesco Forte, succeduto a lui nella cattedra di scienza delle finanze a Torino (ora professore emerito della Sapienza) tratteggiando in una fitta serie di saggi, raccolti in una visione d’assieme, prima la formazione e la carriera scientifica di Einaudi e lo sviluppo della sua scuola torinese e bocconiana, con una galleria di allievi fedeli, eretici o anomali (da Renzo Fubini, Mauro Fasiani e Francesco Antonio Repaci a Benvenuto Griziotti e Piero Sraffa a Carlo Rosselli, Palmiro Togliatti, Ernesto Rossi). Poi le battaglie sui giornali e le riviste di Einaudi «economista appassionato ». Segue la analisi del modello einaudiano di finanza pubblica conforme al mercato, cogli sviluppi riguardanti lo stato sociale. Indi il dibattito Einaudi-Croce su liberalesimo e liberismo e il dialogo Einaudi-Ropke sull’economia sociale di mercato. Poi le istituzioni del mercato. Quindi la scuola libera. Infine la preveggente teorizzazione della federazione europea e dell’economia dei mercati globali. Francesco Forte (Busto Arsizio, 1929), allievo del Collegio Ghislieri e dell’Università di Pavia, successore d’Einaudi a Torino, emerito de La Sapienza, ha insegnato all’Università Virginia, partecipando alla formazione della scuola di public choice. Ha scritto oltre 35 libri e 400 articoli scientifici. Iscritto al PSLI nel ’50, ha aderito al PSI dopo la svolta riformista. Negli anni ’70 vicepresidente dell’ENI, nel ’79-’94 deputato, poi senatore, ministro e presidente di commissioni parlamentari. Collaboratore del «Giorno», «Panorama», «La Stampa» e «Il Giornale». Scrive d’economia colla sua concezione di liberalesimo sociale in «Il Foglio» e «Libero».

    Collection Fondazione Luigi Einaudi. Torino - Studi
    ISBN 13 978-88-222-5867-0
    Type Nom